9^ giornata DHARMHA - RN TA: 5-8 

Intervento di Lucio Oliva sabato 25 aprile 2015 17:40:00

La capolista Rari Nantes espugna per la seconda volta Bari vincendo contro il Dharma Casamassima e stacca ora tutte le dirette avversarie, proiettandosi in una fuga solitaria che sempre più nettamente vede i tarantini vicini alla loro terza promozione in serie B, con il Casamassima che sconfitto scivola in terza posizione ad 8 punti di distacco e la Sport Project Bari che si riporta al secondo posto lontana però sei lunghezze.

La Rari scende da subito cinica in acqua, consapevole di andare ad affrontare una squadra compatta, che fa del collettivo il suo punto di forza e che finora aveva sempre mostrato un buon gioco corale in cui ben si inseriscono singoli di buon valore per la categoria. Il primo tempo si rivela essere una fase di studio tra le formazioni, le reti arrivano solo su rigore e superiorità numerica: apre le marcature per i padroni di casa Prisciantelli su rigore; il vantaggio è però effimero, dopo alcuni tentativi andati a vuoto davvero per poco, la Rari prima riaggancia su rigore con Oliva D., poi si porta in vantaggio con Moccia che, in superiorità numerica, viene pescato da un passaggio illuminante di Santovito.


Il secondo tempo segue un po' la falsariga del primo, gli ospiti pareggiano nuovamente il risultato in superiorità, ma vengono poi nuovamente riportati sotto nel punteggio da un Cantarella, molto ispirato quest'oggi, che segna prima a uomini pari e poi in superiorità sul finire di tempo e che nella sequenza viene interrotto da una rete di Carucci su uomo in più. La Rari si aggiudica anche il secondo tempo quindi e va al cambio di campo sul punteggio di 2-5: la gara, fin qui molto equilibrata sembra prendere direzione favorevole agli atleti ionici guidati da Sabato.

Forse in virtù del vantaggio acquisito, i tarantini si rilassano un po' troppo ad inizio terzo tempo, facendosi riavvicinare sino al 4-5: nuovamente è solo questione di tempo perchè venga ristabilita la giusta distanza in acqua prima con Oliva D., poi con Schinaia che si inserisce in dribbling e supera il bravo portiere avversario siglando la rete del 4-7. In questo terzo tempo gli ospiti perdono per tre falli entrambi i difensori centrali e vedono sfumare la possibilità di assestare il colpo del ko agli avversari in più occasioni, in particolare con l'errore su rigore di Conte, che pur tentando di piazzare bene il pallone vede avventarsi sullo stesso Martiradonna che va a bloccare a due mani sulla sua sinistra.

Il quarto tempo è mera gestione del vantaggio, i padroni di casa sembrano ormai sfiancati dal punto di vista fisico, ai tarantini non resta che limitare l'impegno nella quadratura difensiva e tentare in ripartenza di allungarsi ulteriormente: l'equilibrio in acqua non cambia, una rete per parte rendono invariata la distanza. Da segnalare in quest'ultimo tempo la bella segnatura di Oliva D., applaudita da compagni ed avversari, che prima fa finta di chiudere il tiro sul primo palo e poi, forte di una grande elevazione di gambe, beffa Martiradonna con una palombella che si insacca precisamente alla base del palo opposto. La gara si chiude sul punteggio di 5-8 con la rete all'ultimo minuto di Prisciantelli, che dopo aver aperto le marcature le chiude anche.

 

Alla comunale di Bari si è assistito ad una bella gara tra le prime due della classe. La Rari Nantes è andata convintamente a prendere 3 punti che si riveleranno probabilmente essere pensatissimi, aggiudicandosi in modo netto anche il secondo scontro diretto contro la più valida avversaria: i ragazzi di mister Rescigno hanno patito molto la mancanza di solidità in superiorità numerica e probabilmente anche una condizione fisica non ottimale, sicuramente peggiore rispetto a quanto mostrato nell'inizio di stagione. Ai tarantini va il merito di non aver mai dato spazio agli avversari, essendo stati sempre avanti nel punteggio dopo il primo aggancio ad inizio gara: sicuramente in questa vittoria del gruppo vanno riconosciuti i meriti di alcuni atleti apparsi in ottima forma, tra cui il portiere Pantile, sempre attento in ogni occasione e capace di bloccare alcune conclusioni ravvicinate, il centrale D'Addato, uomo in più e solido riferimento in difesa, capace di neutralizzare praticamente ogni pallone giunto ai centroboa che si sono alternati per gli avversari e sempre pronto a ripartire, conquistando già in difesa importanti espulsioni per i suoi, l'attaccante Cantarella, capace di rompere l'equilibrio al secondo tempo siglando la prima rete (una della poche viste) a uomini pari dell'incontro.

L'appuntamento è ora per sabato 9 maggio nella difficile piscina di Brindisi dove la Rari Nantes Taranto dovrà confermarsi squadra solida evitando di patire oltremodo la vasca stretta brindisina andando a battere i salentini, già nettamente sconfitti all'andata ed attualmente in lotta per le posizioni di centro classifica.

 

Dharma Casamassima: Martiradonna, Fornarelli, Dammacco, Di Bello, Carbone, Palumbo, Lippolis, Lorusso 1, Balice (espulsione definitiva al IV tempo per gioco violento), Prisciantelli 3 (1 rigore), Ventrelli 1, Verroca, Tinella. Superiorità numeriche 2/10; rigori segnati 1/1.

Rari Nantes Taranto 1996: Pantile, Lampasso, D'Addato, Conte, Carucci 1, Cantarella 2, Schinaia 1, Grande, Oliva D. 3, Caricasole, Santovito, Moccia 1, Oliva V. Superiorità numeriche 4/10; rigori segnati 1/2.

(classifica da; http://pallanuotopuglia.weebly.com/serie-c-girone-6.html)

I commenti su questo intervento sono chiusi.